Google Adsense: Via i banner dai siti di bufale

16/11/16 seo News Google 0 commenti 2519 letture
Google Adsense: Via i banner dai siti di bufale

Il problema delle bufale e delle notizie false ha ricevuto un notevole boost grazie ai social network, complice anche la cattiva abitudine di condividere o commentare notizie senza nemmeno leggere interamente il titolo, figuriamoci il contenuto.

Solo su Facebook circolano migliaia di notizie false molte delle quali create ad arte unicamente per alimentare viralità, click baiting e quindi generare profitti pubblicitari.

Il principio di base è semplice: creo una notizia sfruttando argomenti attuali o molto sentiti dalle persone e sfruttandone l'emotività posso raggiungere in pochi click migliaia di utenti.

Oltre alle notizie false create con lo scopo di incassare click, ci sono poi le bufale che, diversamente dalla notizie false, incorporano il principio della buona fede cosi come bufale nate su leggende metropolitane.

Con il tempo sono nati siti web che sfruttando l'assonanza con quotidiani autorevoli, hanno iniziato a diffondere notizie inventate ottenendo spesso ottimi risultati.

E' il caso per esempio del "fatto quotidaino" cosi come "la respubblica" e tanti altri ancora.

Quando questi siti condividono una notizia su Facebook, causa distrazione e l'effetto di lettura dell'occhio umano, un sito "fatto quotidaino" viene interpretato in maniera corretta, in questo caso Fatto Quotidiano.

Il problema della veridicità dell'informazione si è ulteriormente evoluto ed evidenziato durante le ultime elezioni americane.

Per dare un freno a questo fastidioso fenomeno, Facebook e Google hanno iniziato a mettere in atto una serie di iniziative per scoraggiare viralità e funzionamento.

Facebook da parte sua ha dichiarato di aver attivato un filtro antibufale e si sta impegnando ad affinarne il funzionamento anche se ad oggi possiamo dire con scarsi risultati, quanto meno per l'area italiana.

Google si è attivato in modalità diversa attaccando la motivazione di base che spinge a creare questo tipo di siti ovvero la pubblicità.

Google, via Adsense dai siti di notizie false

Fonte: Google

Ieri, tramite una nota ufficiale e un successivo aggiornamento delle policy, Google ha dichiarato che potrebbe sospendere l'erogazione di banner in quei siti individuati come raccoglitori di bufale o similari.

Come possiamo leggere online, è infatti apparsa la nuova "Misrepresentative policy" che cita come esempio passibile di blocco pubblicitario contenuti falsi, inventati o nocivi, situazioni e azioni riconducibili al phishing, contenuti che promuovono o utilizzano concetti ingannevoli come "diventa ricco subito" o schemi piramidali.

Resta da capire la modalità con la quale Google andrà ad operare: intervento manuale o algoritmico?

  1. Fabrizio Ventre

    Mi occupo di SEO e Lead Generation. Somo appassionato di tecnologia e innovazione e fondatore di alcune importanti testate hi-tech. Attualmente Seo Manager presso Omniaweb.

In primo piano

Articoli collegati

Newsletter Seotopic.com

Ti è piaciuto questo articolo? Non perderne nessuno, iscriviti alla newsletter per riceverli una email ogni volta che verrà pubblicato un nuovo incredibile post.

Commenti

Nessuno ha ancora osato commentare questo straordinario post. Vuoi essere il primo ?

Inserisci il tuo commento


Autore:

Email (per ricevere aggiornamenti sui commenti):

Tuo sito (opzionale):

Codice antispam: 1511305200
Ricopia Codice:

Testo (minimo 20 caratteri):

Seotopic

Probabilmente il miglior blog Seo degli ultimi 150 anni.
I seo si stanno estinguendo. Aiutaci a salvarli !!!!

  • Vicenza, Padova, Milano
  • Mobile:
  • Email: info@seotopic.com

Dove opero

Mi trovi a: Vicenza, Padova, Verona, Treviso.

Contatti

  • Vicenza, Padova, Milano
  • Mobile:
  • Email: info@seotopic.com