Pochi Spiccioli per una Rivoluzione Digitale

28/03/10 webmarketing Advertising 1 commenti 2606 letture
Pochi Spiccioli per una Rivoluzione Digitale

L'eventualità di pagare qualcosa online è da sempre una questione molto sentita dagli utenti, abituati a vivere la rete con l'equazione Internet = Gratis , a partire dal fenomeno del File Sharing, per finire ovviamente a riviste e portali online.

Dall'altra parte, quella degli editori online, abituati oggi a far quadrare i bilanci con la sola pubblicità, l'eventualità di incassare extra ricavi da abbonamenti e simili, rappresenterebbe una ottima occasione per potersi concentrare sulla qualità del prodotto e non più sulla quantità come accade oggi.

Chi gestisce un sito, oggi, punta ad ottenere il massimo traffico possibile, spesso tralasciando la qualità effettiva del proprio prodotto editoriale e puntando tutto sull'acquisizione traffico, in modo magari anche ai limiti dello spam, come dimostrano diversi casi su Google News.

Faccio una constatazione a livello personale che mi ha fatto spesso riflettere sulla questione di pagare qualcosa per avere un prodotto migliore.

Alcuni miei siti, che gestisco da diverso tempo, raccolgono anche 700-900.000 utenti unici mensili che si trasformano, nel 5-6% dei casi, in click pubblicitari o transazioni pay per action capaci di generare un guadagno.

In questa ottica, come editore che vive di sola pubblicità, mi pongo principalmente due obiettivi da centrare ogni mese: ottenere il maggior traffico possibile e, successivamente, aumentare il CTR di utenti che finiscono in un modo o nell'altro nelle fitte maglie delle sponsorizzazioni presenti nel sito, a costo di rimetterci sulla qualità del mio prodotto.

Immaginate ora uno scenario decisamente diverso, dove gli editori e chi sviluppa i vari portali, fossero obbligati a puntare solo sulla qualità a discapito della quantità, cercando di fornire un prodotto utile e di ottima fattura, sacrificando magari anche migliaia o decine di migliaia di visitatori al mese e lasciano più spazio ai contenuti che ai messaggi pubblicitari.

Basterebbe che ogni utente che visita il mio sito, pagasse appena 5 centesimi al mese, ovvero meno di un Sms, per consentirmi dieliminare definitivamente ogni sorta di elemento pubblicitario, diretto ed indiretto, e consentendomi di ottenere dei budget più che adeguati a fornire un prodotto editoriale decisamente superiore.

Se il vostro sito preferito, il portale di riferimento o la vostra community vi chiedesse il sacrificio di 5 o anche 10 centesimi al mese, non sareste disposti a privarvi di tale somma per ottenere un prodotto decisamente migliore?

 

  1. Fabrizio Ventre

    Mi occupo di SEO e Lead Generation. Somo appassionato di tecnologia e innovazione e fondatore di alcune importanti testate hi-tech. Attualmente Seo Manager presso Omniaweb.

In primo piano

Articoli collegati

Newsletter Seotopic.com

Ti è piaciuto questo articolo? Non perderne nessuno, iscriviti alla newsletter per riceverli una email ogni volta che verrà pubblicato un nuovo incredibile post.

Commenti

  1. Avatar

    Prova inserimento commento prova inserimento commento

    Rispondi
  2. Inserisci il tuo commento


    Autore:

    Email (per ricevere aggiornamenti sui commenti):

    Tuo sito (opzionale):

    Codice antispam: 1495576800
    Ricopia Codice:

    Testo (minimo 20 caratteri):

Seotopic

Probabilmente il miglior blog Seo degli ultimi 150 anni.
I seo si stanno estinguendo. Aiutaci a salvarli !!!!

  • Vicenza, Padova, Milano
  • Mobile:
  • Email: info@seotopic.com

Dove opero

Mi trovi a: Vicenza, Padova, Verona, Treviso.

Contatti

  • Vicenza, Padova, Milano
  • Mobile:
  • Email: info@seotopic.com