Inutile Contest Pagerank Patatrak

05/02/08 seo Seo 17 commenti 11478 letture
Inutile Contest Pagerank Patatrak

Dal Blog di Tagliaerbe, leggevo oggi per caso la presentazione di un nuovo Seo Contest "Pagerank Patatrak", lanciato dal forum di Giorgiotave.

A rischio di diventare antipatico a molti (se già non lo fossi diventato in passato... ), lo definirei un caso eclatante che dimostra che si parla molto ma tutto sommato si è capito ben poco di Google, soprattutto in certi ambienti.

Qualunque seo anche alle prime armi sa che il Pr 0 non esiste, (al massimo zero virgola qualcosa) e un conto è il PR reale del sito (che conosce solo Google e ne vediamo i risultati nel ranking), un conto il PR mostrato dalla Toolbar, che è tutta un'altra cosa.

Volete le risposte alle domande?

Bastava chiedere...

* Quanto conta effettivamente oggi il PR ?

Molto. Come sempre.

La questione del Pr non è mai cambiata, anzi, si è accentuata molto nel tempo ed è diventato strumento sempre più affidabile per via della crescente difficoltà a costruirlo.

Oggi molti lo considerano quasi inutile più il semplice fatto che gli aggiornamenti degli algoritmi hanno perfezionato lo strumento Pagerank di Google che nel calcolo del ranking considera il nostro pagerank non nel valore assoluto (somma di tutti i link) ma nel valore relativo (link tematici e da quali siti).

Oggi possiamo posizionare un sito con un mezzo link, se è quello giusto; 2 anni fa un Pr 4 era il minimo per essere posizionati e basta trovare link da qualunque sito, anche spam o porno, per far numero.

* Fino a che punto possono essere considerate attendibili le numerose tesi presenti su questo Forum che tendono a rendere quasi nulla (o comunque fortemente ridimensionata) l'influenza del PageRank?

Senza offesa per nessuno, ma direi che generlamente il 95% d elle tesi d el forum non è per niente attendibile...

* Cosa realmente ha determinato il posizionamento della GT Directory con la key directory ( 5° di un miliardo e ottocentomilioni di pagine ) nonostante il suo striminzito PR=3 ?
(da notare in 32° posizione la Directory di Yahoo a PR7, e Dmoz in 34° con PR8 !)

Molto semplice: nessuno o quasi ha ottimizzato link e pagine per la keyword Directory.
E' risaputo che la competività di una parola chiave non  è proporzionale al numero di risultati rilevati ma dal numero di concorrenti che ottimizzano per una keyword.

A dimostrazione di questo, il  fatto che è più facile essere in prima pagina con la parola Hotel (che fa oltre 1 miliardo di risultati) che con Hotel Rimini (meno di 2 milioni).

Provate per credere.

* Quando conta avere una struttura creata appositamente per spingere la home page o altre pagine del sito stesso senza cadere nelle penalizzazioni di Google?

Non occorrono strutture "artificiali" se il nostro sito è progettato con un minimo di senso logico e con le specifiche necessarie perchè sia indicizzabile correttamente dai motori di ricerca, non solo Google ma soprattutto gli spider meno evoluti.

Certo, se nel 2008 vi ostinate ancora a fare siti interamente in flash e siti in frame magari per poter mettere una fastidiosissima musichetta di sottofondo.. beh... cambiate mestiere, Internet vi ringrazierà.

* Quando e come creare un Network che possa spingere un sito? Che tempistiche si devono usare per inserire i link? Quanto questi influenzano il PageRank?

Riprendendo il discorso del Pagerank, oggi un mezzo link dal sito giusto può smuovere un intero ranking.

Ad eccezione dei casi ipercompetitivi, i network risultano ormai obsoleti, inutili e troppo complessi da realizzare e gestire, visto che in moltissimi casi basta una virgola di troppo per finire penalizzati, rendendo di fatto inutile il network stesso.

*********************************************

E credo che qualunque Seo, quelli veri intendo, avrebbe  dato le stesse risposte.

Lascio a voi le conclusioni finali.

  1. Fabrizio Ventre

    Mi occupo di SEO e Lead Generation. Somo appassionato di tecnologia e innovazione e fondatore di alcune importanti testate hi-tech. Attualmente Seo Manager presso Omniaweb.

In primo piano

Articoli collegati

Newsletter Seotopic.com

Ti è piaciuto questo articolo? Non perderne nessuno, iscriviti alla newsletter per riceverli una email ogni volta che verrà pubblicato un nuovo incredibile post.

Commenti

  1. Avatar

    Inutile post.. ma che fastidio vi da il forum gt.. certa gente sta solo li a vedere cos a fanno e a criticare..mah... meno male che ci sono i veri seo come te....(tra l altro mi pare che il tuo ragionaento sul contest non abbia nessuna logica... e' chiaro che sìparla del pr della toolbar..la critica mi pare proprio faziosa gratuita e sforzata.. trova altre ragioni migliori...) bravo complimenti ...in italia siamò sempre uguali.. ridicoli, invidiosi, faziosi, divisi su tutto.. si resta davvero basiti... spero che mi pubblichi ciao grazia ps io intanto tolgo il feed dal mio reeder

    Rispondi
  2. Avatar
    Dag

    Ciao fabrizio.
    premetto che non sono un seo professionista (ma forse hai sentito parlare di me), e che sto comunque partecipando al contest. in parte quello che dici è vero, ma mi sento di risponderti in modo un po più concreto del fake "grazia".

    > qualunque seo anche alle prime armi
    > sa che il pr 0 non esiste
    lì si parla di pr da toolbar e lo scopo non è di rimanere a 0, ma di rimanere tra [null] e 1.
    nb: perché vi ostinate a parlare e a vendere ai clienti il pr reale, se non avete modo di misurarlo ?

    > la questione del pr non è mai cambiata,
    > anzi, si è accentuata molto nel tempo
    hai prove ? o le tue sono solo supposizioni ? io dico che il pr basato al 90% sulla link popularity è passato da un pezzo; i fattori in gioco ora sono molti di più.
    nb: logicamente non ho prove di quanto scritto da me.

    > oggi possiamo posizionare un sito
    > con un mezzo link
    concordo alla stra-grande.

    > ma direi che generalmente il 95% delle tesi del forum...
    mah, io invece direi che il 95% dei seo più famosi e forti di oggi ha soggiornato, anche se a volte per poco tempo, presso la locanda g.t. ;)
    nb: il "poco tempo" spesso è stato causato da un bel ban nel posteriore.

    > nessuno o quasi ha ottimizzato
    > link e pagine per la keyword
    in casi così eclatanti il posizionamento per siti molto trust tende ad avvenire spontaneamente: nel caso di yahoo! è un fatto strano... in parte concordo con fabrizio.

    > non occorrono strutture "artificiali"
    > se il nostro sito è progettato con un...
    beh, dipende. non riesco ad immaginare agenzie "serie" che propongono ai propri clienti una "struttura artificiale" (ma che nome è ?) ad altro rischio. i seo studiano le tecniche "deep 'n black", ma ai siti dei clienti applicano tecniche banali; lo ritengo un approccio plausibile e corretto.

    > ad eccezione dei casi ipercompetitivi,
    > i network risultano ormai obsoleti, inutili
    bah, anche in questo caso dipende. mi fai pensare al tanto decantato web 2.0: hai mai notato che molti di questi servizi 2.0 sono un una versione morbidosa di applicazioni (o idee) antecedenti il 2001 ? io penso sempre all'analogia tra i blog/commenti e gli antiquati guestbook.

    spero di non essere stato troppo prolisso. ehm, so di esserlo stato, spero almeno di aver scritto cose interessanti.

    ciao fub-reetsiou (all'americana), e buon seo contest... (in)volontariamente stai partecipando ;)

    Rispondi
  3. Avatar

    Inutile.

    anche nel mio blog, esprimo tutto il mio disaccordo verso questo tipo di gare, speriamo che google prenda presto in considerazione la possibilità di penalizzare i siti o i social network che promuovono tali iniziative...

    alex

    Rispondi
  4. Avatar

    @grazie
    vedi, proprio perchè si parla di pr della toolbar ti fa capire quanto inutile sia il discorso.
    sarebbe come fare una gara automobilistica basandosi sul colore delle auto invece che sugli aspetti tecnici.
    privo di senso.

    Rispondi
  5. Avatar

    @dag

    come detto prima, proprio perchè quel contest si basa sulla barretta verde è privo di ogni utilità.
    la barretta verde, ai fini del posizionamento, ha la stessa funzione che può avere il colore di una carrozzeria in una macchina: semplice estetica.

    fare un contest su una cosa del genere capisci che, almeno in contesto strettamente tecnico, non ha alcun senso; da qui la mia feroce critica a tutto il sistema forum che, da quello che ho visto e conosciuto sforna pochi seo preparati e tanti seo paranoici...

    per ogni singola risposta che ho dato nel mio post potrei portarti almeno 2-3 casi a dimostrazione di quanto detto.

    io non pretendo che altri seo mi credano, anzi, non è mio scopo istruire la concorrenza.
    quello che mi da fastidio è dover ogni volta intervenire in situazioni dove altri seo hanno fatto danni evidenti e professato idiozie totali a clienti ignoranti (e parlo ancora oggi di casi di cloaking e doorway... mica due keyword ripetute...).

    Rispondi
  6. Avatar

    @grazia:

    nussuno critica nulla se non l'inutilità per quanti partecipano con il "solito" vantaggio che chi lo ha promossso, come nel passato, ha già guadagnato una marei di link da blog di settore e pure con dei buoni pr. bl belli freschi e forti il tutto sempre brandizzato...

    se io ti dicessi: il pr è un fattore relativo al fine del posizionamento? avrei forse ragione e le prove per dirlo, è lo stesso fabio che nel suo articolo, fa un chiaro esempio di come i posizionamenti sono cambiati negli ultimi tempi.

    gara, raduno, compleanno, divisione con la nascita di blog tematici, la stessa penalità ti fa capire che c'è un marketing che tende a sfruttare il lavoro di popolarità che è stato costruito nel tempo: a me sta bene ma di seo, lasciamo proprio perdere, non c'è veramente nulla oppure, come pochi, si mettono i protfolio a disposizione dei clienti e dei visitatori e si vede il lavoro che è stato fatto e che si cura nel tempo.

    d'accordo le strategie, ma posizionare un forum su di una piattaforma già fatta... o un blog su di una struttura già fatta... insomma, di vero e proprio codice, come i meccanici che si sporcano le mani, non c'è nulla se non il contributo degli altri; illazioni a non finire e i super esperti (de che) che saltano fuori come funghi. se on sei d'accordo, ti buttano fuori e mi sembra quanto mai palese che questo è un giochetto molto esplicito per dirigere le operazioni secondo i piani.

    invece di fare spam, cerchiamo di fare informazione corretta per tutta la categoria, quella seria, per i neofiti e per chi è alle prime armi, quel forum, quel sistema, va benissimo.

    grazia, se poi ci vorrai far vedere di cosa dovremo essere gelosi, magari qualche tuo lavoro di posizionamento, ti regalo un link dal mio blog come premio, senza fare alcuna gara!

    alex

    Rispondi
  7. Avatar
    Dag

    Ciao, rispondo solo ora poiché non oh ricevuto alcun aggiornamento dei commenti (nb: così rischi di non fidelizzare i visitatori).

    @fabrizio
    mi fa strano, ma nonostante tutto non mi trovo eccessivamente in disaccordo con te (né con alex).
    se ti dico "fattori arcani" ti viene in mente qualcosa ? beh a molti seo (o presunti tali) dice molto.
    sia qual'è la cosa "strana" ? tutti ne parlano, ma poche persone ricordano il nome del vincitore; da questo punto di vista, secondo me, il contest è stato un "mezzo fallimento"; può anche darsi che il vincitore ora guadagni 10.000 euro mensili e sia un guru del seo che agisce nell'ombra (una sorta di agoago), ma non credo.
    di per se il contest ha fallito, ma ha fatto comunque "cultura"; tu la chiamerai anche "controcultura", ma per me in fondo è sempre "cultura".
    nonostante tutto, continuo a dire che nel forum gt siano transitati molti seo che adesso lavorano (o hanno lavorato) per grandi agenzie italiane (credo di non sbagliare se menziono ad maiora, studio cappello, sems etc.).
    non so se siano "paranoici", di certo li reputo (alcuni per esperienza diretta) preparati.
    io concordo con te (sarei un pazzo se ti smentissi) per il discorso barretta verde, ma voglio chiederti una cosa: sei sicuro che il contest si limiti all'analisi della barretta ? e poi, secondo te il fatto di riuscire a mantenere bianca la barretta (né grigia ne verde, ma bianca) e stare al primo posto equivale a verniciare un'auto ? mah, non credo.
    sai un'altra cosa ? con il colore di un'auto non ci guadagni, mentre con il colore della barretta riesci almeno a pagarci l'hosting su aruba per un anno (ma credo che siti con la barretta oltre il 6 riescano a pagarsi anche qualcosa in più).

    @alex
    parli del fatto che il pr non conta ai fini del posizionamento e poi aggiungi: "un chiaro esempio di come i posizionamenti sono cambiati negli ultimi tempi". allora concordi con me affermando che il pr di oggi non conta più ? i test ed i contest spesso servono proprio a questo: capire come cambiano le cose.
    negli ultimi 3 anni, ho collaborato (non lavorato, ma collaborato) con diverse agenzie seo/sem italiane (si dice che siano tra le più forti, ma logicamente ognuno tira l'acqua al proprio mulino e quando lo abbandona spesso sputa nel piatto dove a mangiato per anni): posso assicurarti che lato seo hanno utilizzato tecniche molto "normali", che volendo potevano esser studiate nei vari portali/siti/forum/blog di settore. non so se tu e fabrizio fate seo con alchimie misteriose (è bello lasciare questo alone di mistero al cliente , eh?), ma per quello che ho visto in giro non credo; a tal proposito spezzo una lancia in favore delle tecniche black e dello spam. forse avete ragione a dire che sono spazzatura e basta, ma immaginate cosa sarebbe il posizionamento adesso, se non ci fossero stati quei loschi individui che conducevano (e conducono tutt'ora) studi al limite della legalità. sarebbe bello posizionare un sito solo con i contenuti (on page), ma purtroppo qualche spinta dall'esterno è d'obbligo. non mi venite a dire che sono sufficienti contenuti di qualità, vi prego; se fate un sito che vende "camere d'aria sgonfie" riuscirete pure a piazzarlo, ma se volete piazzare un sito per la keyword "hotel" sommata alle varie città italiane il discorso cambia ! e di molto !

    la cosa certa è che, come dice alex, dal contest uscirà di sicuro un vincitore: il forum stesso; sia dal punto di vista seo, che dal punto di vista del marketing più puro. se non sbaglio, viene definito link baiting.

    scusate il sarcasmo e la finta ingenuità di alcune affermazioni, ma scusate anche la vera ingenutià di molte altre. dopotutto io non campo con i motori di ricerca, perché mai devo prendermela così tanto ? in fin dei conti il mio lavoro poggia su basi più solide di una barretta nel browser; non vendo "ipotesi" e "test", ma "fatti". se stanotte la donna delle pulizie che lavora in google fa saltare la corrente di un datacenter e gli indici si incasinano, domani tutti i seo del mondo diranno che è in corso l'aggiornamento degli algoritmi, che le regole stanno cambiando (e al rinnovo del contratto, il vostro cliente non dovrà pagare solamente il mantenimento, poiché si dovrà ricominciare daccapo ad eseguire l'ottimizzazione seo).
    come dico sempre: i pubblicitari vendono sogni, i seo vendono ipotesi, mastrota invece vende le pentole.

    Rispondi
  8. Avatar

    @dag,

    mi credi uno sprovveduto? i miei lavori non ti piacciono? hai mai sentito qualche personaggio che si sia lamentato della veridicità di quanto affermo (con fatti)?

    fatte queste dovute precisazioni, io ripeto: lo spam che si produce con queste azioni e i link che arrivano al forum di chi lo ha proposto, secondo me andrebbero rivisti ma ne da me ne da nessun'altro, dovrebbero essere i motori di ricerca a limitare penalizzando queste azioni.

    del resto lo dici anche tu, il vincitore di fattori arcani ha scritto sul mio blog la reo confessione di aver fatto spam per vincere, allora tutto quello che tu dici e che quel forum propone, non è legata ad azioni di marketing ma di altro: monnezza per dirla con un termine forte così ci capiamo.

    che mi si voglia ancora dire che fanno ricerca; se on ci fossero de ritorni diretti, forse si e si potrebbe parlare di una certa serietà, così non è e dunque: come ho scritto sul mio blog più volte, oltre a sfruttare l'utenza del forum, si sfruttano anche questi veicoli. non e invidia o altro e lo dico prima che qualche superficialotto possa interpretare semlicisticamente la cosa, mi fa specie che non si veda un lato della medaglia; di fatto di professionale, no ci vedo una beneamata mazza se non la proposta di corsi e convegni ecc... sfruttamento.

    scelta marketing, condivisibilissima, ma parliamo d'altro e non di web marketing e di seo...

    alex

    Rispondi
  9. Avatar

    P.s.

    riguardo alle famose agenzie seo e a quelle meno note: per me tanti nomi che io definisco "soliti noti" lavorano solo perche hanno una determinata popolarità e non fanno assolutamente ricerca e comunque non propongono nulla di nuovo.

    dag, fabrizio, progetto seo, dbatrade e tanti altri, sono quei matti che di ricerca ne fanno e ai risultati ci arrivano senza per questo fare dello spam, più che page rank, forse si tratta di un ranking?

    se tu avessi letto il mio blog attentamente, determinate conclusioni ci sono già e non ci sono arrivato da solo ed è evidente che non sono il "solito noto" che spara cazzate e tutti dietro a dire che è bravo;... provate pure a contestare tecnicamente e con dei risultati alla mano un solito noto e vedete se risponde.

    come mai allora non sono i soliti noti a fare gare? ricerche ecc...???

    il male di tutta questa situazione è la popolarità, il forum fa benissimo a ricercarne di continuo anche perché, d'altro non si può parlare.

    io ritengo per me l'argomento più che chiuso, spero solo in una azione google e porre fine a questi sacchetti si spazzatura alla napoletana fatta dai soliti.

    alex

    Rispondi
  10. Avatar

    Entro nel merito della discussione per un attimo visto che a quanto pare sono stato tirato in ballo: volevo rassicurare dag sul fatto che il lavoro procede bene e i clienti non si lamentano. girerò a quelli che mi hanno conosciuto grazie al concorso fattori arcani la domanda se per loro sia stata una cosa inutile o meno. che poi abbia io l'abitudine di mantenere un profilo basso, preferendo dedicare il mio tempo a lavorare che a sproloquiare a vanvera(condotta seguita da parte mia anche durante il concorso ) è un dato di fatto. cercherò di rimediare diffondendo tazze da caffè con la mia foto e tanga griffati. al dag inoltrerò la versione premium, con tanto di 740 e album di famiglia dei clienti.
    btw: approfondire il concetto di correlazione tra pagerank e posizionamento può comunque rivelarsi interessante, quindi un occhio al concorso fossi in voi io la darei, non si può mai sapere nella vita ...

    Rispondi
  11. Avatar
    Dag

    @antonio de giovanni
    > al dag inoltrerò la versione premium,
    > con tanto di 740 e album di famiglia
    > dei clienti.
    mah, spero tu stia scherzando... non mi interessa nulla del tuo 740 e dei tuoi clienti... dicevo che dal

    @alex
    > mi credi uno sprovveduto?
    > i miei lavori non ti piacciono?
    a cosa ti riferisci ? mi sa che ci deve essere un malinteso; io non mi permetto di offendere nessuno: chi sono io per giudicare i tuoi lavori ? no no, forse mi sono espresso male.
    ps: cmq anche dell'orto è passato per il forum (prima di essere bannato).

    alt! scusate, qui mi state facendo passare come "l'avvocato cipolletta" del forum gt. io non sto difendendo il forum, dico solo che molto spesso contest, prototipi e studi estremi producono idee interessanti. punto. tutte le altre chiacchiere sono "fuffa". la vera mondezza non la produce gt, i veri mondezzari sono ben altri nel web (ma agiscono molto nell'ombra).

    Rispondi
  12. Avatar

    Fabrizio, certo il pr vale ancora-sempre, ma e' giusto-opportuno chiedersi come e quando.

    rispetto al passato il pr conta veramente poco o nulla al fine ultimo di scalare le serp di g.

    da qui il fraintendimento.
    siccome quasi tutti i seo bramano principalmente aumentare i propri unici provenienti dalle serp... alla lunga tendono a sottovalutare il pr pagandone prima o poi le conseguenze.

    infatti oggi il pr e' una sorta di marchio di qualita'.
    marchio-riconoscimento dato-assegnato da google.

    il seo che ancora ragiona fortemente in base agli accessi si chiede: cosa me ne faccio pero' di una "patacca" che non mi portera' maggiori accessi dalle serp di g?

    beh, lui ragionando in quel modo vecchio stile non intravverra' nessun vantaggio, ma e' proprio un peccato.

    un buon pr (rispetto ad uno basso) infatti gli permettera' di aver maggior peso qualitativo per ogni suo link esterno.
    se una key-link posta in una pagina ad alto pr dichiara che pippo.xyz tratta di "molliche di pane" per g pippo.xyz trattera' molto probabilmente di "molliche di pane", con tutto quello che ne consegue...

    se una pagina ad alto pr mostra annunci adsense, quegli annunci renderanno al wm probabilmente (per ogni click ricevuto) molto di piu' che se fossero cliccati su una pagina a basso pr.

    se un wm straottimizzasse una pagina ad alto pr quella pagina (comunque fosse trattata) non verrebbe bannata, mentre la stessa pagina a pr basso a parita' di straottimizzazione sarebbe cadavere tempo 0.

    un utente "colto" preferisce spendere 100 lire su di un sito ad alto pr piuttosto che pagare 30 su di un sito a pr nullo (per acquistare lo stesso servizio).

    e poi potremmo continuare ad oltranza.
    per ignoranza o per comun sentire (a voi la scelta), se dovessi vendere un dominio con pr 6 incasserei 10 volte rispetto un pr 4.

    per questo motivo:

    "(da notare in 32° posizione la directory di yahoo a pr7, e dmoz in 34° con pr8 !)"

    e per lo stesso motivo chiunque di noi sarebbe disposto a pagare per apparire su dmoz o yahoo... perche' oggi il pr non fa posizione ma fa distinzione.

    ----

    quando dici:

    "...la competività di una parola chiave non è proporzionale al numero di risultati rilevati ma dal numero di concorrenti che ottimizzano per una keyword."

    rende bene il senso del discorso, rende bene un concetto che tanti seo ancora fanno fatica a far loro.
    ma non dimenticare che per molti seo che si stanno facendo le ossa ce ne sono altrettanti (soprattutto in italia, uomini e donne, tu compreso) precisi e puntigliosi.

    ed il seo maniaco (nel senso nobile del termine) sa che una keyword vale-pesa non solo in base al numero dei wm che vi ci si dedicano, ma soprattutto in base al mercato (utenti) che quella keyword rappresenta in termine di ricerche, in base al numero di inserzionisti che ci competono, in base al valore economico per ogni click inserzionista, etc.

    come ricordi tu, e' ovvio che se su g in italia la key directory e' ricercata tanto quanto la key pippo:

    http://www.google.it/trends?q=directory%2c+pippo&ctab=0&geo=it&geor=all&date=all&sort=0

    ed entrambe non presentano sponsor... etc etc, ecco che e' possibile per chi abbia un buon sito (anche se a basso pr) primeggiare.

    ----------

    concordo in modo assoluto quando scrivi che:

    "non occorrono strutture "artificiali" se il nostro sito è progettato con un minimo di senso logico e con le specifiche necessarie perchè sia indicizzabile correttamente dai motori di ricerca, non solo google ma soprattutto gli spider meno evoluti."

    e

    "ad eccezione dei casi ipercompetitivi, i network risultano ormai obsoleti, inutili e troppo complessi da realizzare e gestire, visto che in moltissimi casi basta una virgola di troppo per finire penalizzati, rendendo di fatto inutile il network stesso."

    ----------

    per quanto riguarda invece il discorso se alcune iniziative siano proposte piu' per proprio tornaconto piuttosto che per amor di sapere...

    per quanto riguarda l'indiscutibile quanto comprovata realta' che sistematicamente tutti i wm-siti (e nel caso in discussione parliamo di seo forum) bannano-condizionano-ospitano principalmente chi gli pare e piace, chi possa far loro comodo o meno...

    dobbiamo ricordarci che paradossalmente, in un mondo pessimo dove tutti ci condizionano-dicono cosa fare e come fare (familiari, datori di lavoro, stato, vicini di casa...), il wm e' padrone e signore di vita e morte nel sito-casa sua.

    stia bene o meno.
    liberi di navigare altrove.
    e' il minore dei mali.

    --

    ma se qualcuno ancora si dovesse indignare per quei ban ghigliottinari, sganciati con arte e tempismo, si consoli.

    consoliamoci pensando di quanto sia miserrimo abusare del proprio potere di wm rispetto alla codardia nel non esercitarlo.

    ------

    chiunque di noi wm (io per primo) gestica un sito a lui riconducibile, si guardera' bene dal dichiarare-riportare-evidenziare-pubblicare quei taciti accordi di non belligeranza (in una parola: cartello) che da anni sono parte sostanziale della fortuna di google yahoo e microsoft.

    ---

    desertstorm e' questo aspetto che mi fa imbestialire di te.
    perche' anche tu sai-vuoi sparare solo sulla croce rossa, sui moribondi agonizzanti, sugli indifendibili.

    -

    dimmi, chi fa meno moralmente schifo di noi due?

    io che da sempre do della merda a chi merda e' ma solo perche' posso nascondermi vigliaccamente dietro ad un nick, o tu che qui discuti ufficialmente di patatrak inutili sorvolando pero' sulle travi?

    --------

    concludo con un'affermazione veramente impegnativa per essere di pronta presa, recepibile da chiunque (senza offesa ovviamente) abbia una visione ottimista di quello che dovrebbe essere-diventare il futuro del web.

    ----

    nessuna persona, nessuna societa' (e relativi prestanomi) dovrebbe possedere per legge piu' del 1 per 1000 delle azioni del maggior motore di ricerca del web. qualsiasi esso sia in futuro.

    fidatevi, obbiettate su qualsiasi cosa ma, vi prego, non su questo valore.

    Rispondi
  13. Avatar

    Dei tanti discorsi letti, l'ultima dichiarazione merita senz'altro la fatica di essere arrivati fino alla fine dei commenti.
    tra l'altro abbiamo anche trovato (noi occidentali) un nome per un'apposita legge, antitrust, che appunto nome rimane, e mediamente inapplicata per ogni settore produttivo.
    comodamente elusa in italia quanto negli states.

    ma i "cartelli" stanno all'economia come il burro alla marmellata. che senso ha accumulare potere e implementare apparati produttivi mastodontici se non se ne possono imporre i frutti alle maggioranze?
    ma. ecco il mio "ma" da due centesimi di euro.

    la "rivoluzione digitale" è un fenomeno che, tra storici e sociologhi, viene utilizzato per descrivere la fase che si apre nel mondo occidentale dopo il 1989 e accomuna il crollo delle precedenti concezioni geopolitiche alla nascita e all'impetuoso sviluppo dei mezzi di comunicazione planetari, internet e l'uso quotidiano e di massa del personal computer.
    si parla di "globalizzazione" e di "era dell'informazione".

    bene, credo che se c'è una cosa veramente "virale" oggi siano proprio i famosi "utenti". che sono sempre più artefici, oltre che principali fruitori, della massa di dati e informazioni e contenuti disponibili su web.

    "virale" è la capacità di infinita moltiplicazione dei canali cui attingere.
    "virale" è, in definitiva, il potere dell'individuo non più passivo rispetto all'informazione ma anche creativo della stessa (della sua opinione, del suo pezzo di verità. e non serve un sito internet, anche la stessa personale strada di "ricercare" informazione è uno strumento attivo nelle mani del singolo individuo...).

    in altre parole direi che la desueta concezione monopolistica sia del tutto in antitesi con i prevedibili-auspicabili sviluppi del "web che vorremmo nel futuro".

    sviluppi non scontati, ma che possiamo ottimisticamente augurarci.
    anche e soprattutto grazie allo spirito libero che agoago ha qui egregiamente rappresentato, che non può che essere condiviso e sottoscritto.
    e che è lo spirito che anima semplicemente il "progresso civile" per come lo conosciamo dalla rivoluzione francese in poi.

    :) tanto per ammansire i toni: ma se lancio la figura del "red hat seo" che dite? da ban immediato?

    se questa discussione è nata ed è arrivata a questo punto credo di poter dire che il contest sia stato (è) tutt'altro che inutile.
    se poi il problema è che sulle serp si riversano sempre nuovi esperti di posizionamento (che lo siano o meno non importa, se ti passano in serp qualche motivo deve esserci...), beh... è la conferma di quello che ho appena provato a scrivere, non c'è pace per poteri e posizioni consolidate e domani nasce il bimbo che fra un paio d'anni ci mette in tasca a tutti, google compreso.

    auguro tanto pagerank e pochi patatrak a tutti...

    Rispondi
  14. Avatar

    Dopo agoago, posso solo lasciare la firma ringraziare, e inchinandomi uscire camminando all'indietro.. ho trovato questo post come mi capita spesso di trovarne altri cercando in google il tuo nick "agoago", e ogni volta abbasso inevitabilmente il bounce rate di ogni sito dove aggiungi un commento, che come in questo caso, da solo, farebbe il contenuto di una pagina ottimizzata alla perfezione. un saluto di stima anche a seotopic per aver ospitato l'ennesima perla di saggezza. salutoni!

    Rispondi
  15. Avatar

    Premetto che sono tra quelli (forse pochi) che ritengono importante il pr (anche se non fini del rank diretto, ma di quello indiretto).

    penso che lo studio sia un aspetto importante del nostro mestiere e ogni forma di studio dovrebbe essere apprezzata.

    io non partecipo mai ai seo contest, ma onestamente non mi sento di parlarne male. non mi piacciono molto, ma onestamente non ci vedo gran danno. semmai, sono quelli che interpretano malamente i risultati a far danni o a patirne.

    potrei dire "peggio per loro". in fondo è un po' come leggere le statistiche. quando una statistica dice che mangiamo mediamente un pollo per uno e poi uno pensa sul serio che i due tizi non abbiano fame perché entrambi hanno mangiato, è un problema suo. un giorno prenderà un'enorme cantonata e peggio per lui.

    io a miei figli insegno a ragionare con la propria testa, a leggere statistiche e risultati di gare e giochi e test di altri, ma sempre cercando una certificazione.

    il problema non sta nel gioco/test/contest, ma in chi non sa come valutarli.

    in fondo, fare un seo contest per avere link non è molto diverso dal fare una festa per avere link. ed io di feste ne faccio molte... :)

    Rispondi
  16. Avatar

    Abbiamo ottenuto il pr 4 da google ma per ottenere il pr5 da google cosa e quanto tempo ci vuole ci vuole?
    un consiglio sulla politica del nostro sito....ottenete link di qualità, google paga più la qualità che la quantità.

    Rispondi
  17. Avatar

    Grazie, da come scrivi... cambia mestiere e ritorna ai messaggi sms con abbreviazioni

    Rispondi
  18. Inserisci il tuo commento


    Autore:

    Email (per ricevere aggiornamenti sui commenti):

    Tuo sito (opzionale):

    Codice antispam: 1495576800
    Ricopia Codice:

    Testo (minimo 20 caratteri):

Seotopic

Probabilmente il miglior blog Seo degli ultimi 150 anni.
I seo si stanno estinguendo. Aiutaci a salvarli !!!!

  • Vicenza, Padova, Milano
  • Mobile:
  • Email: info@seotopic.com

Dove opero

Mi trovi a: Vicenza, Padova, Verona, Treviso.

Contatti

  • Vicenza, Padova, Milano
  • Mobile:
  • Email: info@seotopic.com