Sopravvivere senza Google. E' possibile?

12/10/07 webmarketing Advertising 5 commenti 2782 letture
Sopravvivere senza Google. E' possibile?

Prendete il vostro core business o il vostro cliente più importante. Ora, immaginate che da questo istante tutti i siti relativi fossero bannati per sempre da Google, senza possibilità di cambiare dominio o ricorrere ad altre soluzioni.

Il vostro business è in grado di sopravvivere senza Google?

Sono convinto che la stragrande maggioranze dei micropubblisher e di tutti coloro che vivono e in parte dipendono dai ricavi di un sito Web, si siano più volte posti questa domanda.

Dipendere da una unica fonte per sopravvivere è sempre pericoloso e molto rischioso come insegna la disciplina capitalistica. E' sempre meglio avere a disposizione un piano di emergenza pronto all'uso.

Negli ultimi anni ho dedicato sempre qualche giorno allo "sviluppo alternativo", ovvero, ad uno sviluppo online basato su strumenti diversi dal posizionamento nei motori di ricerca.

Ecco qualche suggerimento testato sul campo.

- Sviluppare Community e Fidelizzare gli utenti

Nell'ipotesi dovessimo fare a meno di Google, divente evidente come ogni singolo  visitatore diventa un bene ancora più prezioso di prima.

Bisogna puntare  moltissimo sulla fidelizzazione degli utenti, cercando di spingere i visitatori a vincolarsi moralmente al nostro sito, costituendo cosi una community.

Per gestire questo processo di fidelizzazione e aggregazione attorno al nostro sito, possiamo spingere gli utenti ad iscriversi al nostro Feed Rss; a sottoscrivere la nostra newsletter o iscriversi e soprattutto partecipare a Forum e Blog.

Forum - Il forum merita un'attenzione tutta particolare perchè rappresenta uno strumento un pò controverso.
E' molto difficile avviare un forum, questo perchè nella psicologia degli utenti, si tende a scrivere o fare domande laddove c'è un certo movimento.

Ti sarà sicuramente capitato magari di passare davanti ad un locale e fermarti li non tanto perchè conoscoevi il posto ma solo solo perchè davanti c'era molto movimento.

Alcuni forum diventano poi strumenti talmente potenti nell'attrarre visitatori che il sito stesso che lo ospita può permettersi di impostare un robots ed eliminare completamente tuttii motori di ricerca. (Purtroppo non posso citare l'esempio).

- Sviluppare la propria rete di visibilità

In assenza di Google, ma interessante anche come attività completamentare, diventa molto importante costruire e far crescere con il tempo una propria rete di attività che possono comprendere:

a) partecipare e postare in altri Blog e siti: l'Internet Made in Italy è piuttosto matura; per  un qualsiasi argomento ci saranno sempre almeno 3-4 Blog o siti importanti di riferimento.
Ecco che partecipare e postare in altri blog si trasforma in una possibilità concreta di incrementare la visibilità del nostro sito.
Attenzione però a non far diventare tale attività una semplice forma di spamming; in questo caso il vostro sito avrà vita breve.

b) partecipare a forum: un pò simile al postare nei Blog, la partecipazione a forum diventa però un pò più complicata in quanto ogni nostro post sarebbe soggetto al vaglio di altri utenti che, in caso esagerassimo con l'autopromozione, capirebbero subito la tendenziosità dei nostri post. Partecipare ad un forum l'ho sempre considerata attività a medio e lungo periodo...

c) scrivere e rispondere alle mailinglist;

d) scrivere articoli per altri siti;

- Sviluppare la rete dei Social Network

Oggi forse nasconono più Social Network che Blog. Tuttavia, la maggior parte resta relegata alle pagine di storia.
Prendiamo i 2-3 Social Network più attivi nel nostro settore di riferimento e sviluppiamo anche li la nostra rete di attività.

Per esempio nel settore musica e spettacolo diventerebbe molto interessante sfruttare le potenzialità di MySpace, cosi come in altri settori Digg, Facebook e Linkedin potrebbero fare al caso nostro.

- Sviluppare Tools online

Se il nostro settore lo permette o ancora meglio se il nostro settore necessità di strumenti particolare, ecco che la creazione di un tool online, magari utilizzabile previa registrazione, diventa un'ottima arma per attirare traffico.

Fate finta di lavorare nel settore mutui e prestiti. Creare un piccolo script che ci permette di calcolare in automatico TAN e TAEG dei prestiti, per esempio, potrebbe diventare fonte di traffico qualificato. Pensate alle potenzialità di business generate dal poter offrire gratuitamente informazioni sui tassi di interessa a persone che cercano prestiti personali...

- Distribuire contenuti gratuiti

Alzi la mano chi non è mai stato in un sito che offre qualcosa di gratuito, come per esempio "Temi gratis per Wordpress" o chi non si è mai registrato per scaricare gratuitamente un e-books?
Distribuire contenuti gratuti è da sempre un ottimo sistema per attrarre visitatori a patto però che i contenuti da noi offerti siano realmente utili e di buona qualità.

Mi è capitato anche di recente di visionare siti che offrono gratuitamente niente meno che "spazzatura multimediale". Beh.. vi assicuro che l'effetto prodotto in me è stato proprio il contrario di quello per cui si realizzano e distribuscono contenuti gratuitamente.


  1. Fabrizio Ventre

    Mi occupo di SEO e Lead Generation. Somo appassionato di tecnologia e innovazione e fondatore di alcune importanti testate hi-tech. Attualmente Seo Manager presso Omniaweb.

In primo piano

Articoli collegati

Newsletter Seotopic.com

Ti è piaciuto questo articolo? Non perderne nessuno, iscriviti alla newsletter per riceverli una email ogni volta che verrà pubblicato un nuovo incredibile post.

Commenti

  1. Avatar

    Post interessante che merita sicuramente delle riflessioni, secondo me tutto quello che hai scritto è condivisibile, ma la cosa che alla fine che fà più impressione pensandoci a mente fredda e non con la "abitudine" di sempre, è il presupposto della mancanza di google, e come si è spesso abituati a ragionare sempre in funzione di esso senza valutare vie alternative.

    Rispondi
  2. Avatar

    Infatti è proprio nel fatto che siamo cosi abituati a google che praticamente ognuno di noi ne entra ed esce senza accorgersene quando usa le ricerche, la posta, i feed,ecc.
    pensare a internet senza google richiede davvero uno sforzo di fantasia intenso :)

    Rispondi
  3. Avatar

    Mi era scappato... ho la scusante che il quella settimana ero in spiaggia :)
    ti ho attivato il link. ;-)

    Rispondi
  4. Avatar

    Ci stavo pensando anch'io proprio ieri. google ormai macina mappe geografiche, archivia codici sorgenti, indicizza siti, pdf e feed/xml, ha acquistato compagnie di ppc ed advertising, aziende che producono ogni sorta di prodotto multimediale distribuito e si accinge a diventare un player importante della telefonia.

    ritengo che pensare ad un mondo senza google sia meno grave che pensare ad un mondo in google detta una sola legge: io-sono-internet... con tutte le implicazioni del caso che potete immaginare

    Rispondi
  5. Inserisci il tuo commento


    Autore:

    Email (per ricevere aggiornamenti sui commenti):

    Tuo sito (opzionale):

    Codice antispam: 1503439200
    Ricopia Codice:

    Testo (minimo 20 caratteri):

Seotopic

Probabilmente il miglior blog Seo degli ultimi 150 anni.
I seo si stanno estinguendo. Aiutaci a salvarli !!!!

  • Vicenza, Padova, Milano
  • Mobile:
  • Email: info@seotopic.com

Dove opero

Mi trovi a: Vicenza, Padova, Verona, Treviso.

Contatti

  • Vicenza, Padova, Milano
  • Mobile:
  • Email: info@seotopic.com